Unicità

Buongiorno…
Ieri ho ricevuto un grande messaggio.
La piantina che vedete, sola nella sabbia deserta del mare di Ottobre è lì da anni, sempre nello stesso posto. Ha fatto qualche estate con me, e non solo con me. Seconda fila. Bel posto, si sta bene. Poi le estati passano, gli ombrelloni si smontano, le persone si salutano, alcune si ritrovano, alcune si perdono, i cingolati spianano la sabbia, la spostano per la nuova stagione, talvolta la neve copre la spiaggia, in attesa del nuovo sole caldo della prossima estate. E lei, quella piantina, è sempre lì. “Così piccola e fragile…”, diceva anni fa una canzone di Drupi, per chi ha l’età per ricordarsela… Se la Vita è Amore, e lo è, quella piantina è Amore. Proprio in quel posto, proprio li. Quel posto condiviso. Così piccola e fragile, capace di un messaggio fortissimo. Non conta quanto grande e grosso sei, quanto sgomiti per apparire ed essere notato, se il tuo ego è soddisfatto dalle lusinghe che ricevi, perché poi, nel silenzio del clamore e nella solitudine della spiaggia come talvolta in quella della vita, ritrovi, e solo lì, i tuoi riferimenti. Quelli che hai conosciuto e non se ne sono mai andati. E li ritrovi, come quella piantina. A cui, alla fine, importa solo di me, come a me, alla fine di tutto, importa solo di lei.
Buona domenica, Cuori oltre le stagioni. Vince

vincenzo@vincenzopezzella.it