La sorpresa

Lo è, si, quando si realizza che tutta la fiducia che, malgrado tutto, abbiamo mantenuto nell’Amore, viene ricompensata. Non serve molto, basta un attimo. Un attimo di ricompensa. Ricompensa: che brutta parola, sa di “do ut des”, di reso di un prestito. Ma per fortuna, non è così. A noi, in fondo, viene chiesto poco, solo due cose: crederci ed accettare. Crederci, nell’Amore, ed accettare che esso, al momento opportuno, si manifesti come crede. Nel luogo e nel tempo stabilito. Stabilito prima. Altrove. Numa Tempesta, il protagonista del quasi omonimo “Io sono Tempesta”, bellissimo film passato ieri sera in tivu, con il solito grande Marco Giallini, dopo una vita di sfarzo smodato, ritroverà, forse, il momento più vero della sua vita, nell’incontro, in carcere, con suo padre, che non vede da 25 anni. Ritrovato, come sempre, NON PER CASO, ma attraverso persone, del tutto diverse, che pian piano lo introducono, al mondo, per lui prima sconosciuto o dimenticato, dell’Amore. Un pasto frugale, in cella, con suo padre, brillava più vivo di tutte le mega-cene d’affari di ventanni di scalata nel business. Perché, finalmente, vero. Alla verità, non serve molto, basta un attimo. Per avere quella carezza, quel bacio sulla guancia, quel buffetto da tuo padre, che, per molti, non hai avuto per chissà quanti anni. L’Amore, qualche anno fa, mi si è rivelato. Un giorno, attraverso una voce, è come se mi avesse detto: “…guarda che io esisto davvero…” e io gli ho creduto. Ho fatto bene. Perché l’Amore può essere solo un attimo. Ma quell’attimo, arriva per tutti, sempre: e quando decide di accompagnarti, lo fa. Cambia corpo, cambia persona, ma Lui è sempre con te. Perché se tu stai bene con l’Amore, l’Amore sta bene con te. Perché, se gli crederemo, saremo la stessa sostanza. Buon sabato, Cuori ❤️ in un attimo. Vince Pezzella

CI VEDIAMO A DESENZANO AL PARK HOTEL, DOMENICA 26 PROSSIMO. VI ASPETTO !

vincenzo@vincenzopezzella.it